Mattinata di bonifica al Parco di Centocelle

Mattinata di bonifica al Parco di Centocelle

Nella giornata di Sabato 17 Dicembre 2016 è stata realizzata una prima attività di bonifica nel Parco di Centocelle, precisamente nella zona adiacente all’antica Osteria e al tunnel della ferrovia abbandonata, con l’obiettivo di ripulire un sentiero che collega i due beni, il primo di natura archeologica e il secondo culturale, alla stazione della metro.

È stata una mattinata dedicata alla collaborazione civica, durante la quale liberi cittadini, membri di varie associazioni del quartiere, ovvero la Comunità Parco Pubblico di Centocelle, l’Associazione Nuova Vita, i gruppi di immigrati delle associazioni Dorean Dote Onlus, CUB Immigrazione Confederazione Unitaria di Base, Unione inquilini, studenti dell’Università Luiss Guido Carli e Rom si sono rimboccati le maniche, e con rastrelli e pale hanno lavorato insieme per la riqualificazione di un bene comune a tutti. Hanno dimostrato come concretamente l’unione possa fare la forza e possa essere una risposta ai problemi di una città; hanno dimostrato come siano non solo portatori di problemi, ma, e soprattutto, portatori di soluzioni e risposte concrete. Hanno dimostrato, poste le giuste condizioni, come non esistano barriere di alcun genere e razza tra persone desiderose di perseguire l’interesse generale e regalare e vivere bellezza.

È proprio da qui, da questi gesti e forze di volontà che bisogna ripartire per costruire nuovi ponti, più solidi, tra i vari soggetti (il pubblico, il civico, il sociale, il privato, il cognitivo) dell’ecosistema istituzionale a quintupla elica che LabGov, con le sue CO-Città, si propone e sta riuscendo a realizzare.

Il giorno successivo erano in trecento i presenti a visitare la vecchia galleria, dove Benito Mussolini aveva progettato di costruire la prima metropolitana della città, a dimostrazione di come queste risorse possano essere delle fonti di ricchezza e luoghi di aggregazione unici, di cui Roma, così piena, dovrebbe solo che farne tesoro per la propria rigenerazione.

Un grazie particolare va ad Urio Cini e Alessandra Noce, che spinti dal desiderio di far tornare a splendere il proprio quartiere hanno organizzato queste due mattine e soprattutto hanno regalato bei momenti e insegnato il verso senso di essere un cittadino attivo e civile.