#6 nasce la Comunità per il Parco Pubblico di Centocelle

#6 nasce la Comunità per il Parco Pubblico di Centocelle

L’ultimo incontro, avvenuto il 5 ottobre 2016 nella sede del V Municipio, inizia con il resoconto delle attività che il gruppo ha portato avanti negli ultimi giorni in merito al progetto di bonifica dell’area ex pompa di benzina.

  1. E’ stato avviato un dialogo costruttivo con le famiglie Rom presenti sul territorio e con il presidente dell’Associazione Nuova Vita in vista di un’effettiva collaborazione.

Sono stati inoltre individuati due possibili accessi al Parco dalla Via Casilina:

  • il passaggio tra l’Osteria e i rottamatori, che si presta sia come passaggio pedonale che ciclabile, che rappresenta contemporaneamente il punto di accesso per i residenti dei quartieri Alessandrino, Centocelle e Torre Spaccata. Tale opzione è da ritenersi però più complessa, ma non impossibile da portare a termine, e comunque simbolicamente più interessante perché prevede anche la valorizzazione dell’Osteria, e che consente di accedere direttamente al percorso per Torre Spaccata-Romanisti e via Papiria;
  • il passaggio dopo l’ex pompa di benzina Agip, sulla destra rispetto all’uscita dalla fermata della metropolitana “Parco di Centocelle”, soluzione più semplice da realizzare, e che consente l’accesso diretto al Giardino del primo stralcio.

 

  1. L’Associazione Azzurra, che ha aderito al progetto, ha stabilito una relazione con un’associazione di speleologi interessata alla ricchezza sotterranea della zona oltre che al valore storico del Tunnel.

 

L’incontro è andato avanti e si è focalizzato sulla scelta del nome del gruppo di lavoro, il sistema di governance interna, la definizione degli obiettivi strategici. La scelta del nome è avvenuta dopo una fase di brainstorming durante la quale sono emerse le parole chiave che guidano il gruppo, le sue motivazioni, i suoi valori: queste parole sono parco, comunità, pubblico, patrimonio-risorsa.

Parco perché bisogna restituire valore al Parco in quanto Parco, in quanto risorsa e luogo di attrazione della comunità e per la comunità;

Comunità ha un valore estremamente inclusivo, si rivolge, cioè, a chiunque abbia voglia di portare il proprio contributo alla natura progettuale del gruppo;

Pubblico perché è necessario riaffermare la natura pubblica del parco

Patrimonio-risorsa perché il Parco rappresenta un inestimabile valore ambientale, naturalistico, avifaunico, storico e archeologico.

Per tali ragioni il nome del gruppo è COMUNITÀ’ PER IL PARCO PUBBLICO DI CENTOCELLE

centocelle1

Tale Comunità si pone

l’obiettivo di:
costituire un gruppo di lavoro territoriale a gestione collaborativa e condivisa per la riqualificazione e la rigenerazione del Parco Archeologico di Centocelle;

attraverso le seguenti modalità:
coalizzazione delle forze civiche, sociali, economiche, cognitive e istituzionali del quartiere per promuovere la collaborazione civica attraverso un Patto di Collaborazione con le Istituzioni;

ed è animata dai seguenti valori condivisi:
condivisione, rispetto per l’ambiente e la comunità, trasparenza, coerenza, giustizia sociale, solidarietà, ambiente come storia, archeologia, relazioni umane significative, sport, integrazione e inclusione sociale, mobilità sostenibile, bellezza, valorizzazione del bene comune, partecipazione, libertà, socialità, convivenza, legalità, trasparenza nella gestione.

La comunità è dotata di competenze diversificate:
manuali, tecniche, tecnologiche, didattiche, organizzative, relazionali, progettuali, digitali, sociali, comunicative e  una preziosissima e approfondita conoscenza del Parco, della sua storia, delle sue problematiche e delle attuali e potenziali risorse.

La comunità ha già individuato possibili forme di sostenibilità in termini di:
condivisione di beni, asset e servizi, partecipazione a bandi, progettazione di campagne di crowdfunding, attività di fundraising, sponsorizzazioni, iscrizione alla comunità.

Le azioni che la Comunità si propone di portare avanti si muovono principalmente su due assi: sicurezza e attrattività sostenibile e si riferiscono ad attività di riqualificazione degli spazi in termini di rigenerazione urbana e valorizzazione della memoria storica territoriale, manutenzioni ordinarie, manutenzioni straordinarie, sorveglianza, salvaguardia del patrimonio archeologico, monitoraggio sistematico, networking e divulgazione delle informazioni.

La governance della comunità si strutturerà in attività di comunicazione verso l’interno (gruppo Facebook, WhatsApp, mailing list….) e comunicazione verso l’esterno (Pagina Facebook e altri canali social, blog, newsletter…). Lo strumento di governance interna vedrà la realizzazione in tempi stretti di un Protocollo temporaneo di Collaborazione quale strumento transitorio verso il Patto di Collaborazione.

Il primo intervento di micro-rigenerazione che la Comunità per il Parco Pubblico di Centocelle si propone di portare a termine è l’adozione di un albero da piantare nel Parco in occasione della Giornata del Camminare prevista per domenica 9 ottobre quale simbolo di un nascente Bosco urbano della Comunità.  Tale progetto potrebbe prevedere il supporto dell’Associazione  “Un Punto Macrobiotico” che da anni propone e supporta l’iniziativa “Un bosco per la città”.

Il secondo intervento di micro-rigenerazione è relativo alla riqualificazione dell’area ex Pompa di Benzina situata sulla Via Casilina angolo Viale P-Togliatti, di fronte all’ingresso della fermata della Metropolitana “Parco di Centocelle”.

centocelle3

Le imminenti azioni che la Comunità per il Parco Pubblico di Centocelle si propone di portare avanti sono:

  • verifica delle associazioni che vogliono aderire al Protocollo temporaneo di Collaborazione,
  • stesura del Protocollo
  • progettazione delle suddette due attività di micro-rigenerazione
  • coinvolgimento del Terzo Settore
  • presentazione ufficiale della Comunità alle Istituzioni
  • avviare le pratiche per la stesura di un Patto di Collaborazione.